DA NON PERDEREPINOCCHIA locandinaSarà in scena giovedì 23 e venerdì 24 maggio alle ore 21:00 al Teatro Le Maschere di Roma (Via Aurelio Saliceti 1/3), Pinocchia, la piéce di Stefano Benni per la regia di Monia Manzo, una rilettura dissacrante e contemporanea del personaggio inventato da Carlo Collodi, che si trasforma in una robottina dalle velleità artistiche.
L’opera di Benni è sempre stata una pietra miliare della letteratura contemporanea italiana per il suo caratteristico stile linguistico e le sue storie sono una commistione vincente tra cruda realtà e un onirico mondo parallelo composto da esseri zoomorfi e immaginari.

La stessa regista interpreta la protagonista, mentre Ermanno Manzetti, che cura anche le musiche, riveste il ruolo di Geppetto. Malù Rotondi e Gioia Celentani interpretano rispettivamente il Gatto e la Volpe, mentre Aurora Deiana è in scena nel doppio ruolo della Fata e del Grillo. Le scene sono a cura di Fabio Calascibetta, luci e suono a cura di Luca Amicosante.Monia ManzoLa brillante regista e interprete Monia Manzo/”Pinocchia”

Un testo che prende ispirazione dal capolavoro di Collodi per distanziarsene, tramite la parabola della protagonista, la robottina Pinocchia, comprata appositamente da Geppetto per riempire il proprio incolmabile vuoto esistenziale e per creare uno pseudo-rapporto padre/figlia e amante maturo/Lolita. Pinocchia verrà iniziata alla vita moderna da una piccante fatina e inutilmente consigliata da un Grillo pedante e “tuttologo”.

Geppetto cercherà di confinarla tra le povere ma sicure mura domestiche, ma il richiamo dell’incognito e del mondo reale porterà Pinocchia all’incontro con il Gatto e la Volpe, impresari mascalzoni, unici personaggi che in questa pièce mantengono ruoli simili a quelli dell’opera collodiana, fungendo da corruttori e venditori di inutili sogni. Pinocchia diventerà una cantante rock, truffata e abbandonata dagli impresari sotto mentite spoglie della coppia Gatto/Volpe.

La ragazza/burattina tornerà da un Geppetto ormai disperato e solo…I colpi di scena non mancano soprattutto quando lo spettatore scoprirà che Pinocchia non è l’unico personaggio artificiale della nostra esilarante storia, sempre accompagnata dal perno centrale della bugia, condimento imprescindibile di qualsiasi azione o sentimento, seppur nobile o sincero.

Pinocchia
Testo di Stefano Benni
Regia di Monia Manzo
Giovedì 23 e Venerdì 24 maggio 2013
Teatro Le Maschere – ROMA
(Via Aurelio Saliceti 1/3)
Biglietto
Intero – 13 euro
Ridotto – 8 euro (bambini e studenti)

Per informazioni:
teatrolemaschere.it
Tel 06 58330817