PicoRama3w_phMMezzani-e1369695279998Cani Bionici (Technotitlan)’, feat. Dargen D’Amico, è il primo singolo estratto dal nuovo disco (da poco uscito) di Pico Rama, ‘Il Secchio e il Mare’. L’incredibile video del brano, scritto e sceneggiato dallo stesso Pico Rama, diretto da Andrea Sanna di Headwood Studio e post prodotto dagli Equal Design (che hanno lavorato con Tornatore in “Baaria”), vede il cantante raggamuffin nei panni di un sacerdote precolombiano, e Dargen D’Amico in veste di dittatore distopico futuribile…

Pico Rama, con il suo stile inconfondibile, lunghi dreadlocks e l’immancabile cilindro, risponde alle nostre domande:

Potresti descrivere in 5 parole la tua musica?

Delirio introspettivo, raggamuffin electro mistico.PicoRama1w_phMMezzaniChi e’ Pico Rama?

Un contemplatore di tramonti e deformità. No dai, rispondo seriamente: proprio non lo so chi sia, ma ci sto lavorando.

E qual’e’ il tuo sogno d’artista?

Sogno di sviluppare un’arte universalmente terapeutica.PicoRama4w_phMMezzaniCome sei cambiato da ‘La Danza della Realtà’?

“La Danza della Realtà” è uscito nel 2011, ma racchiude più che altro pezzi scritti tra il 2005 e il 2008; sono passati molti anni, e il mio approccio è meno concettuale: cerco di comunicare attraverso i simboli una dimensione non cosciente.

Quanto e’ profondo il tuo cilindro?

Quindici centimetri circa.PicoRama2w_phMMezzaniPensi che Il tuo nuovo album “Il Secchio e il Mare”, sia lo specchio della tua maturita’ artistica?

Definirmi maturo mi sembra eccessivo. Ma la pubblicazione di questo disco mi ha dato una particolare soddisfazione interiore, e sento di aver adottato una cifra stilistica profondamente “mia”. E dicendo “mia” non intendo possederla, poiché ogni creazione proviene dal bagaglio collettivo.

Quanto e’ importante l’aspetto visivo (video, foto, illustrazioni) per il tuo progetto musicale?

Molto! La copertina de “Il Secchio E Il Mare” è una splendida opera di Emila Sirakova, come anche le illustrazioni contenute nel booklet: soggetti che abbiamo definito insieme sulla base dei deliri simbolici insiti nelle singole tracce.

Per la realizzazione di video provo un amore morboso. Curo sempre personalmente le sceneggiature, insieme al glorioso Andrea Sanna di Headwood Studio, col quale girerò un videoclip per ogni brano di questo disco. (Chi non ha visto il video di “Cani Bionici” feat. Dargen è un cane bionico.)CoverPicoRama_IlSecchioEIlMare_ESirakovaCome definisci il tuo rapporto con i social networks, una parte integrante del tuo progetto, oppure solo un modo immediato di comunicare con i tuoi fans?

Entrambe le cose: oggi è inevitabile e fondamentale confrontarsi con i social network. Anche se tra i Mondi possibili, quello virtuale non è il mio preferito.

Cani Bionici (Technotitlan) Feat. Dargen D’Amico si riferisce forse all’Italia o e’piu’un’osservazione generale/universale?

Si riferisce alla Terra intera. Non è un giudizio, ma tratta l’evoluzione umana dai sacrifici umani ai sacrifici umani, da Tenochtitlan (capitale dell’impero azteco) a Technotitlan (la futuribile o presente tecnocrazia).

Che libro stai leggendo al momento?

“Metagenealogia” di Alejandro Jodorowsky.

Che tipo di musica ascolti?

Ascolto tante cose, molto diverse tra loro; sono cresciuto con punk, hard rock, metal, ora ascolto anche jazz, progressive, un certo tipo di elettronica. Il reggae ha avuto un ruolo fondamentale nel mio interesse spirituale! Amo l’hip hop ma non mi sento parte di esso, culturalmente.

Hai un messaggio per i tuoi fans?

Ogni tanto, quando siete soli e stanchi, fate una preghierina per i cuccioli di leone marino che vengono coinvolti nelle violente dispute tra maschi adulti.

Di Fabrizio Belluschi ©MONDOITALIANEWS.com

twitter.com/pico_fm‎
facebook.com/picoramaofficial‎