OXI ‘TUTTI VOGLIONO ESSERE FAMOSI’: ” E’ UN CONTINUO FINGERE A VICENDA…”

oxi3DA NON PERDERE – L’ultimo video del rapper italiano OXI per TUTTI VOGLIONO ESSERE FAMOSI, il singolo tratto dall’album CRISI D’IDENTITA’:

“Strumentale, allucinogena, minimal, tribale”, cosi ce la descrive Maurizio (IRKO) Sera, (tecnico del suono vincitore di un doppio disco di platino negli U.S.A. grazie alla collaborazione con Jay-Z) il quale ha curato la produzione di questo singolo e di gran parte del nuovo album di Oxi insieme a Massimiliano (Big FISH) Dagani, il team MONDO RECORDS e molti altri producer di rilievo, italiani e d’oltre oceano.oxi1Il brano si presenta ipnotico, caratterizzato da toni fortemente ironici e concentrato sugli stereotipi della nostra società:

“Crisi D’identità” ci rivela Oxi (nome d’arte di Simone Da Pra) “esprime uno stato d’animo molto diffuso di questi tempi, non soltanto per politici, veline, calciatori e burattinai del mondo dello spettacolo a cui puntiamo tutti il dito, oggi la crisi d’identità si fa sentire anche e soprattutto nelle aule di scuola, nei posti di lavoro, nelle piazze, al supermercato, la fiuto ovunque e l’epicentro credo siano i social network. oxi

Tendiamo tutti a modificare noi stessi, apparire diversi da quello che siamo in realtà e credo la maggior parte lo faccia esclusivamente per apparire più interessante agli occhi della gente. E’ un continuo fingere a vicenda che, alla fine del gioco, non vede nessun vincitore. Come dice Caparezza, purtroppo, nemmeno il caffè sa più di caffè”.

“Mi reputo un fanatico della musica prima di esserlo del rap, mi piace sperimentare, dare sfogo alle mie idee ma sono anche consapevole che nel momento in cui ti trovi ad ascoltare un disco come questo, specialmente probabilmente tutto questo ti porterà a pensare a una mia “Crisi D’identita”.

Per me rimane “soltanto” il miglior modo di esprimermi polverizzando barriere e limiti.”

oxionline.it
facebook.com/oxiofficial

Be the first to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*