ruggeri-diverso-dagli-altri-il-nuovo-e1366989490463Enrico Ruggeri, ci parla di ‘Diverso Dagli Altri’, del suo nuovo concept album ‘Frankenstein’, libri, violazioni del copyright e…pallone.

Cosa ti ha ispirato a creare dopo oltre tre anni di distanza dal precedente lavoro, il concept album ‘Frankenstein’?

Volevo raccontare la storia del pensiero umano e l’evoluzione di morale e coscenza negli ultimi 200 anni. Avevo bisogno di una scintilla: Mi e’ venuta rileggendo ‘Frankenstein’, un libro che contiene tutti gli elementi di cui avevo bisogno.

E’ nato così un concept con 13 canzoni che commentano il libro della Shelley e il mio nuovo romanzo “L’uomo Al Centro Del Cerchio”. Un brano totalmente controcorrente e unico nel suo genere. Per me una buona garanzia!

Cosa e’ cambiato a livello musicale e quindi se vuoi personale , dal Ruggeri del 1977 di ‘Punk’ a ‘Frankenstein’ del 2013?

E’ cambiato quasi tutto: Resta l’amore per il Rock, la provocazione e la voglia di non allinearmi a nessuna tendenza imperante oggi.

Come e’ cambiato il panorama musicale in Italia in questi ultimi anni?

Le canzoni che ascolto oggi sono quasi tutte nate per essere trasmesse in radio. O per piaggeria nei confronti di pubblico e moda. Ne restano ben poche.

Il video (grottesco, molto particolare e interessante) per “Diverso dagli altri” ha forse dei riferimenti alla vita reale/politica/sociale Italiana ?

E’ un inno alla diversità di pensiero.

Nel video quanto e’ stato divertente lavorare con Ale & Franz e come e’ nata l’idea di averli nel video?

Ale e Franz sono stati indispensabili: Hanno aggiunto un tocco surreale e grottesco a un video che altrimenti sarebbe stato troppo “serio”…

Che emozioni provi dopo tanti anni di splendida musica (e concerti), a rituffarti in un nuovo tour e la promozione di un nuovo disco?

Stare sul palco è come stare nel mio habitat naturale. E le canzoni di ‘Frankenstein’ dal vivo sono ancora più potenti.enrico ruggeri3Ci sono dei giovani musicisti che apprezzi al momento?

Ci sono lampi di genio che puntualmente vengono ignorati dai media. Ma il tempo renderà giustizia a chi fa’ grande musica. 2 Nomi? Dargen D’Amicio e Pico Rama.

Che musica ascolti al momento?

Punk e Progressive. E David Bowie e Lou Reed. Tutto pre 1982.

Hai ancora dei sogni nel cassetto?

Vedere ‘Frankenstein’ o un mio romanzo rappresentati a teatro o al cinema.

Quanto dobbiamo aspettare per un tuo nuovo libro?

Per adesso pensiamo ai concerti, poi si vedrà.

Dal 1984 fai parte della Nazionale dei Cantanti, come ti tieni in forma per le partite?

Gioco a pallone con i miei amici almeno una volta alla settimana.

Per finire, nel 2011 sei stato (giustamente) tra i principlai firmatari dell’appello per combattere violazioni del copyright, adesso siamo nel 2013, pensi che si sono fatti dei passi avanti, oppure no?

Purtroppo nessuno capisce la gravità del problema: Se il Fabrizio De Andrè del 2016 Oggi ha cambiato lavoro lo dobbiamo a questo stato di cose: Le case discografiche non hanno davvero da investire sui giovani. Ma vedo che la gente pensa che sia meglio avere musica gratis oggi piuttosto che valorizzare i nuovi talenti.

Di Fabrizio Belluschi ©FAMEMAGAZINE.co.uk

enricoruggeri.info