Blastema_foto-di-Marco-Onofri_1B-e1366235721777Con il nuovo album carico di energia e contenuti, ‘Lo Stato In Cui Sono Stato’ (Nuvole Production/ Sony Music), reduci dall’ultimo Festival di Sanremo, il nuovo tour e date con SKUNK ANANSIE e BEADY EYE, la rock band forlivese BLASTEMA, ci parla della loro musica e delle cose che cambiano davanti ai nostri occhi…


Quanto e’ cambiato, a livello musicale il vostro approccio, dal primo album autoprodotto ‘Pensieri Illuminati’ del 2003 fino a ‘Lo stato in cui sono stato’?

L’approccio è inevitabilmente cambiato; prima potevamo permetterci tempi lunghi di fermentazione, di idee e realizzazione, mentre ora abbiamo impegni e scadenze che non possono cadere in proroga; ciò premesso, lo spirito con cui affrontiamo l’avventura di un nuovo album è più o meno sempre lo stesso. Non sappiamo che cosa otterremo alla fine e molto spesso non sappiamo bene nemmeno cosa stiamo facendo mentre creiamo; anche noi a volte rimaniamo sorpresi dei nostri stessi risultati.

Il fatto di non fare un uso banale delle parole, ma invece di fare riflettere con parole e musica anche al Festival di Sanremo, e’ il segno di un cambiamento in Italia?

Credo che questo governo sia sintomatico di che cosa significhi, per chi è a capo dell’establishment di ogni settore, cambiamento in Italia. Comunque la risposta è no.Blastema_foto di Marco Onofri_3BSiete coscenti dell’importante messaggio che date ai giovani?

Tutt’altro che coscienti, anche perché non crediamo e non vogliamo incarnare modelli o veicolare messaggi. Questa è la nostra vita, e ogni vita vale quanto le altre; se qualcuno poi trova nel nostro percorso o nel nostro segno comunicativo una componente che lo riguarda, lo rispecchia e lo fa riflettere, la colpa, o il merito
di questa conquista è tutto suo.

Quanto e’ importante per voi essere stata l’unica band in gara nella Sezione Giovani del 63° Festival della Canzone Italiana?

Importante lo è di certo, visto che in Italia esistono migliaia di band “galleggianti” che molto spesso proprio per motivi di ordine tecnico (essere una band è molto più impegnativo che essere un solista, per questione di costi e di logistica) faticano a trovare spazio per esibirsi dal vivo, figurarsi salire sul palco di
Sanremo.

Chiaramente calcare quel palco è anche molto impegnativo per una band che come noi vive di suoni; esibirsi e sapere che non uscirà mai quello che vorresti è frustrante.

Cosa vi spinge ad andare avanti per la vostra strada musicale?

Inequivocabilmente la passione ma anche una sorta di acre pertinacia: dimostrare che si può fare quello che tutti dicevano impossibileBlastema_foto di Marco Onofri_4B Quanto e’ stato importante l’incontro con Nuvole Production, e quindi con Dori Ghezzi e Luvi De Andrè?

Importantissimo. Senza di loro non avremmo mai raggiunto molti traguardi importanti, e averle accanto è condizione imprescindibile per proseguire all’insegna del miglioramento e della qualità.

Cosa ne pensate della scena rock in italia adesso? Come e’ cambiata?

Malgrado tutte le difficoltà che la musica – quella vera, quella che parte dalle cantine – sta incontrando in quest’ultimo periodo, trovo che in Italia ci sia una scena indie – rock vivissima, dalla quale stanno uscendo personalità di grande talento e indiscusso valore.

Aprirete per il tour italiano degli SKUNK ANANSIE e l’unica data Italiana dei BEADY EYE , vi piacerebbe suonare in UK/Irlanda o USA?

Ci piacerebbe molto, come ci piace molto suonare nei posti in cui non abbiamo mai portato la nostra musica.

Qual’e il messaggio o consiglio che vorreste dare a bands nate adesso?

Non conoscete nessuno che può raccomandarvi per un posto alla provincia? Se proprio non lo conoscete tenete duro e suonate finché sentirete l’esigenza di farlo, la voglia è l’unica cosa che non possono tassare. Per ora…

Cosa devono aspettarsi i vostri fans dai concerti del nuovo tour?

La solita energia, quella che occorre per arrivare alla fine stremati.

Il 6 luglio al PISTOIA BLUES, apriranno l’unica data italiana dei BEADY EYE, band dell’ex leader degli OASIS, LIAM GALLAGHER.

Le date con SKUNK ANANSIE sono:
15 luglio a Milano (City Sound 2013 c/o Ippodromo del Galoppo di S.Siro),
16 luglio a Firenze (Obihall), il 21 luglio a Cividale del Friuli (Piazza del Duomo, UD),
23 luglio a Grugliasco (GruVillage, TO),
24 luglio a Cattolica (Arena della Regina, RN)
13 agosto a Pescara (Stadio Adriano Flacco – Antistadio).

Le date del tour sono:
10 maggio all’ Univercity Festival di Prato
11 maggio al Rock’n’Roll Arena di Romagnano Sesia (Novara)
25 maggio alla Festa dell’acqua di Morciano di Romagna (Rimini)
26 maggio in Piazza Ciro Menotti a Fiorano Modenese (Modena)
9 giugno al Riomania di Rio Saliceto (Reggio Emilia)
5 luglio al Mengo Music Fest di Arezzo
27 luglio all’ Est Film Festival di Montefiascone (Viterbo)
28 luglio all’ Over the Noise Fest di San Daniele del Friuli (Udine)
30 luglio al Suoni di Marca Festival di Treviso
17 agosto all’ INDIEisPONENTE Festival di Cervo Ligure (Imola)
22 agosto al Frogstock Festival di Riolo Terme (Ravenna).

I concerti sono organizzati da Live Nation, livenation.it.

I BLASTEMA sono: Matteo Casadei (voce), Alberto Nanni (chitarre, cori), Michele Gavelli (Pianoforte, Synth, Hammond), Luca Marchi (basso) e Daniele Gambi (batteria).
blastema.it
facebook.com/Blastema
myspace.com/blastemalive

Di Fabrizio Belluschi ©MONDOITALIANEWS.com